Il Porto

Mai ci scorderemo dei giorni

in cui eravamo seduti sui tetti

come fanno i gatti

Con la brezza marina tra i capelli

a osservare le navi salpare

testardi fino all’ultimo

non avevamo bisogno di niente

se non di un paio di remi e una barca di legno

Siamo sempre a correre sulla terra ferma

stiamo diventando seri

troppo seri

Armati di bussola

pensando a quale vento seguire

sbrighiamo le solite faccende

stringendo nodi e raccogliendo reti

in attesa che il mare si agiti

per poi calmarsi

E ogni sera

quando il sole cede il posto alla luna

ci rintaniamo nei nostri letti

issando le vele di coperte

ci prepariamo a salpare

levando le ancore

per andare a dormire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: